Avvenire di Calabria

Questa martire della purezza, emula delle vergini dei primi secoli della Chiesa, nacque a Corinaldo (Ancona) il 16 ottobre 1890

Oggi la Chiesa festeggia Santa Maria Goretti

Il corpo e le reliquie di Maria Goretti, la cui festa ricorre il 6 luglio, sono conservati a Nettuno, nel Santuario di Nostra Signora delle Grazie

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Questa martire della purezza, emula delle vergini dei primi secoli della Chiesa, nacque a Corinaldo (Ancona) il 16 ottobre 1890. Il corpo e le reliquie di santa Maria Goretti, la cui festa ricorre il 6 luglio, sono conservati a Nettuno, nel Santuario di Nostra Signora delle Grazie.

Chi era Santa Maria Goretti?

La storia di santa Maria Goretti, così come la profonda devozione che i fedeli nutrono per lei, è un omaggio alle tante donne che ancora oggi sono vittime di uomini violenti e prepotenti.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


La purezza d'animo, radicata in una fede salda e feconda, con cui Maria Goretti si affacciava sul mondo fu per lei il tesoro più prezioso da difendere, perché quello era il suo modo di rendere Dio presente nella propria vita. Era nata nel 1890 a Corinaldo (Ancona) e con la famiglia era andata a vivere a Paliano e poi a Ferriere di Conca (frazione di Latina). Il 6 maggio 1900 il padre, mezzadro, morì di malaria e così i Goretti dovettero dividere la casa con i Serenelli. A 11 anni Maria fece la Prima Comunione e formulò il proposito di «morire prima di aver compiuto qualche peccato». Il giovane Alessandro di 18 anni, figlio dei coinquilini Serenelli, però aveva messo gli occhi su Maria e il 5 luglio 1902 la aggredì tentando di stuprarla e pugnalandola a causa della sua resistenza.


PUÒ INTERESSARTI ANCHE: Rosa Staltari, maestra di umilità: «Io sono “l’onniniente”»


Maria morì il giorno dopo, perdonando il suo assassino: questo sacrificio estremo portò lo stesso carnefice alla conversione.

Articoli Correlati

sant'anna e san gioacchino

Oggi la Chiesa festeggia Sant’Anna e San Gioacchino

Sono considerati i “nonni” di Gesù: i Sant’Anna e San Gioacchino vengono festeggiati il 26 luglio. Paradossalmente delle due figure così importanti nella storia della salvezza non vi è alcuna traccia nei Vangeli canonici