Avvenire di Calabria

Il settore editoriale e l’editoria digitale è in continuo cambiamento e la sua trasformazione combacia con anche con la trasformazione digitale e la creazione di nuove piattaforme e Social media

Giornalismo digitale, saper scrivere bene non basta

«Dispiace dirlo, ma le care e vecchie edicole, sono destinate a scomparire e il passaggio dal giornale cartaceo a quello digitale è già avvenuto da un po’. È così che va il mondo ed è così che deve andare»

di Vincenzo Comi *

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il giornalismo digitale rappresenta l'oggi dell'informazione. Ma come raggiungere i lettori coi propri contenuti? Vi proponiamo una riflessione di Vincenzo Comi, direttore di Citynow.it.

Una riflessione sul giornalismo digitale

Pubblichiamo articoli ogni giorno da oltre dieci anni. Lo facciamo con passione e amore per il nostro lavoro. Lo facciamo con impegno e costanza al solo fine di informare al meglio i nostri lettori. L’obiettivo di CityNow.it, il magazine che dirigo dal 2014, è sempre stato quello di offrire un’informazione di qualità, riportando la verità dei fatti, attraverso notizie verificate.

Il tutto con il massimo equilibrio, senza mai perdere l’attenzione verso il lettore. E difficilmente, in tutti questi anni, abbiamo “bucato” la notizia. Il mondo dell’editoria digitale, dentro il quale siamo cresciuti, sarà sempre in continua evoluzione e la creazione (notte e giorno) di decine e decine di contenuti informativi in formati digitali sarà sempre il nostro pane quotidiano. In questo meraviglioso mondo dell’editoria digitale e dell’informazione, però saper scrivere bene non basta.

È fondamentale, accanto al talento della scrittura, svilupparne un altro necessario alla diffusione delle news. E si, perché oggi una buona gestione e diffusione della notizia, risulta a volte più importante dello stesso articolo.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Sapere scrivere bene dunque, a volte non basta. Oggi risulta necessario sapere scrivere, ma anche saper “editare”. E in tempi rapidi. È per questo motivo che, da quando siamo nati, prestiamo la massima attenzione, in egual modo, sia alla stesura dell’articolo, che alla sua pubblicazione e diffusione.

Social e giornalismo digitale, un connubio perfetto

Lo sviluppo tecnologico e dei social ha portato inevitabilmente a continui cambi di passo nella fruizione dei contenuti e dei siti di informazione. Essere costantemente aggiornati, avere una buona infarinatura Seo ed un approccio smart con i vari sistemi di pubblicazione dei contenuti sui social nonché ‘vestire’ una notizia, oltre a saperla ovviamente scriverla, sono quindi le nuove regole del buon giornalista in era postmillennials. È inutile nasconderci, il giornalista con taccuino e penna, non esiste più. O comunque non è quello che chiede il mercato. La figura del giornalista si è evoluta e oggi il cronista ha mezzi e possibilità infinite per informare live e con qualità il proprio pubblico.

Dispiace dirlo, ma le care e vecchie edicole, sono destinate a scomparire e il passaggio dal giornale cartaceo a quello digitale è già avvenuto da un po’. È così che va il mondo ed è così che deve andare. Altra chiave per navigare in modo sicuro nel terribile e affascinante mondo del digitale è il dinamismo. La nostra sfida è riuscire a capire su quali tecnologie concentrarsi, prestando sempre la massima attenzione alla qualità del contenuto. Credo che un buon editore inoltre debba darsi da fare, ogni giorno, ed essere pronto a modificare le proprie modalità di lavoro alla giusta velocità. Cosa che, fortunatamente, nella nostra redazione avviene continuamente grazie ad un editore “contemporaneo”.


PER APPROFONDIRE: Informazione e media. Dove ci porta il metaverso?


Il settore editoriale e l’editoria digitale è in continuo cambiamento e la sua trasformazione combacia con anche con la trasformazione digitale e la creazione di nuove piattaforme e social media. Essere “ multicanali“, pronti a nuove sfide, curiosi al cambiamento, interessati alle esigenze dei propri lettori risulta, dunque, fondamentale per poter lavorare nel mondo dell’editoria digitale. Accanto a questo, un buon giornale, deve sempre puntare ad essere attendibile e autorevole.


* Direttore Citynow.it

Articoli Correlati

don Paolo Busto

Giornalismo, si è spento oggi don Paolo Busto

Il giornalismo cattolico perde una delle sue firme più prestigiose: oggi è morto don Paolo Busto. Per 40 anni ha diretto La Vita Casalese e per 13 alla guida de La Grande Famiglia.