Avvenire di Calabria

È tutto pronto presso il Convento dei padri cappuccini per accogliere la reliquia del Santo

Il Cammino della reliquia di Sant’Antonio farà tappa a Lamezia

Il neo vescovo Parisi presiederà la solenne concelebrazione eucaristica alle 19

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Prosegue il Cammino in Calabria della reliquia di Sant’Antonio di Padova, tra le prossime tappe c’è Lamezia Terme, con una sosta prevista presso il Santuario intitolato al Santo, sede della comunità dei padri cappuccini.

Arriverà a Lamezia Terme nella mattinata del 13 luglio la reliquia ex ossibus di Sant’Antonio di Padova, nell’ambito del cammino che ripercorre a piedi gli oltre 1800 chilometri da Capo Milazzo, luogo del naufragio di Antonio in Sicilia, fino a Padova, città di elezione del Santo portoghese.

La tappa del Cammino di Sant'Antonio a Lamezia

Il cammino, a 800 anni dalla predica di Forlì che rivelò Antonio come grande annunciatore del Vangelo, è il cuore di “Antonio 20-22”, progetto che mette al centro i tre anniversari antoniani: gli ottocento anni dal passaggio di Antonio dai canonici regolari agostiniani ai frati francescani, gli ottocento anni dal naufragio in Sicilia e dall’incontro con San Francesco d’Assisi al Capitolo delle Stuoie, gli ottocento anni dalla predica di Forlì.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Il programma della giornata è curato dalla comunità dei Cappuccini di Lamezia Terme, guidata dal guardiano fraʹ Giuseppe Sinopoli, in collaborazione con la diocesi lametina. Alle ore 10.15 la reliquia del Taumaturgo, proveniente da San Pietro a Maida, sarà accolta in Cattedrale da dove poi partirà il pellegrinaggio a piedi verso il Santuario di Sant'Antonio di Padova, con una breve sosta alla casa di riposo “Tamburelli”. 

Il programma a cura della comunità dei Cappuccini

Al Santuario di Sant'Antonio, dalle 16.30 alle 18.45, adorazione eucaristica a cura della fraternità dell’Ordine Francescano Secolare e dei gruppi conventuali e parrocchiali. Alle 19 la solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal vescovo di Lamezia Terme monsignor Serafino Parisi. Dalle 21 alle 5, il Santuario di Sant'Antonio resterà aperto per la preghiera personale e comunitaria di fronte alla reliquia del Santo. Alle 5 del mattino del 14 luglio, la Santa Messa al termine della quale il cammino ripartirà alla volta di Martirano.


PUÒ INTERESSARTI ANCHE: Dipendenze, allarme rosso per i minori: crolla l’età dei consumi


I proponenti del cammino e del progetto “Antonio 20-22” sono le diverse realtà della famiglia antoniana che ruotano attorno alla Basilica del Santo a Padova:  la Basilica stessa, la Provincia dei frati conventuali, il Messaggero di sant’Antonio, l’Associazione Cammino di sant’Antonio, il Centro Francescano Giovani – Nord Italia, la Peregrinatio antoniana, Caritas Antoniana onlus. Ma poi, «Antonio 20-22» è patrocinato direttamente dall’intera famiglia francescana che vive e prega nel nostro Paese, ovvero i frati (conventuali, minori, cappuccini e il Terzo ordine regolare, con l’Unione Conferenze dei Ministri Provinciali della Famiglia francescana d’Italia); le clarisse (Federazioni delle Clarisse in Italia); le suore francescane di vita attiva (MoReFra, il Movimento delle Religiose Francescane); i laici francescani (OFS d’Italia, Ordine francescano secolare). Anche i 42 vescovi delle diocesi attraversate sono stati contattati e coinvolti, per un’iniziativa che si presenta innanzitutto come esperienza di fraternità.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.