Avvenire di Calabria

La Giunta comunale ha messo il sigillo sulla pratica definendo concluso positivamente l'iter di intitolazione

La piazza di Cataforio intitolata a don Santo Franco, ecco la delibera

Adesso si aspetta l'ultimo lasciapassare dalla Prefettura di Reggio Calabria

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Per la comunità di Cataforio arriva la notizia tanto attesa. A Palazzo San Giorgio, si chiude l'iter per l'intitolazione della piazza del centro pre-aspromontano a don Santo Franco. La giunta comunale di Reggio Calabria ha infatti approvato - nel primo pomeriggio di oggi - la delibera con cui la piazza principale sarà intitolata al compianto e amato sacerdote.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Già lo scorso anno, il sindaco Falcomatà aveva dato l'ok all'avvio dell'iter amministrativo. Ad inoltrare la richiesta all'Amministrazione comunale di Reggio Calabria, era stato l'allora parroco di Cataforio e San Salvatore, don Davide Imeneo, con la seguente motivazione: «Si tratta di un giusto riconoscimento ad una persona che ha dato la sua vita per Cataforio e che ha servito, negli ultimi anni del suo mandato, anche la comunità di San Salvatore».

«Ancora oggi don Santo Franco - aggiungeva don Imeneo - è una persona amata e ricordata da tutti con grande affetto, non c'è persona di Cataforio che non ne conservi un ricordo affettuoso, un aneddoto, una foto. Ha segnato la storia del centro pre-aspromontano vicino alla Città».

Chi è don Santo Franco

Don Santo Franco ha ricevuto l'ordinazione sacerdotale per imposizioni delle mani di monsignor Antonio Lanza nel lontano 29 giugno 1946. Con spirito paolino, proprio del suo ministero sacerdotale e della diocesi reggina fondata dall'Apostolo di Tarso, è stato custode della fede delle Comunità che gli sono state affidate.

Il primo incarico pastorale, dal novembre del 1946 al febbraio del 1948 è stato a San Pantaleone, nel cuore dell'area grecanica; successivamente è stato trasferito nella vicina San Lorenzo Marina fino al dicembre 1956. Proprio il 15 di quel mese iniziò il suo cammino accanto alla Comunità di Cataforio a cui si aggiunse, dal novembre 1975 anche l'incarico di vicario economia del Santissimo Salvatore in Cataforio.

Il sacerdote pellarese unì alla presenza costante in parrocchia, anche l'insegnamento di religione cattolica nelle scuole pubbliche, dal 1961 al 1996. Don Santo Franco è tornato alla casa del Padre dieci anni fa, esattamente il 3 ottobre 2011.


PER APPROFONDIRE: Cataforio avrà una piazza intitolata a don Santo Franco


La delibera approvata oggi certifica definitivamente l'accoglimento della proposta e la conclusione del lavoro eseguito fin qui dalla Commissione Toponomastica dell'Ente di Palazzo San Giorgio, presieduta da Domenico Cappellano, e le relative valutazioni.

Tale approvazione non poteva arrivare prima dei dieci anni dalla morte di don Santo, così come prevedono le norme per le intitolazioni delle strade e delle piazze. Il decimo anno dalla morte di don Santo Franco è trascorso all'inizio del mese di ottobre scorso, pertanto l'amministrazione comunale ha potuto procedere con il lavoro di verifica e approvazione. Concluso l'iter amministrativo, l'ultimo lasciapassare dovrà arrivare dalla Prefettura e, a quanto pare, non tarderà ad arrivare.

Articoli Correlati

Cittadella dell’Immacolata, oasi di pace per i bimbi ucraini

Dagli scenari di guerra alla protezione della Cittadella dell’Immacolata di Bagnara: bambini ucraini in fuga ritrovano la pace nell’estremo lembo dello Stivale e, soprattutto, la gioia di poter giocare nuovamente insieme, senza alcun pericolo.

Violenza di genere, la mamma ferita: «Così sono rinata»

Una storia di maltrattamenti consumata tra le mura domestiche, può trasformarsi in un vero e proprio esempio per quante hanno ancora paura di dire «basta». La testimonianza della giovane donna, finalmente uscita dal tunnel in cui era piombata: «Oggi mi sento finalmente donna, grazie al Centro antiviolenza “Angela Morabito” di Reggio Calabria e all’amore di mia figlia»