Avvenire di Calabria

Il governatore della Calabria lo ha affermato durante una diretta televisiva sulla terza rete Rai

Sanità in Calabria, Occhiuto: «Potremmo assumere 2 mila sanitari»

La richiesta al governo: «Servono incentivi perché la regione sia attrattiva dal punto di vista sanitario»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«In Calabria ci sarebbero le condizioni per poter assumere duemila tra medici e infermieri» ha motivo di ritenere il presidente della Regione che è anche Commissario alla Sanità, Roberto Occhiuto nel chiedere al governo «un supplemento d’attenzione per la Calabria e incentivi per medici che vengono da noi».

«Sulla sanità chiedo al governo un supplemento d'attenzione per la Calabria. La mia è una Regione che è commissariata da 12 anni, per cui sostanzialmente è il governo nazionale ad essersene occupato in questo tempo». Lo ha detto Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria, intervenendo ad “Agorá Estate”, su Rai 3.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Per Occhiuto che è anche commissario regionale alla Sanità, «la Calabria potrebbe assumere 2 mila tra medici e infermieri, ma non riusciamo a farlo - spiega - perché il sistema sanitario calabrese non è attrattivo». Da qui la richiesta al governo «affinché mi dia strumenti straordinari».

Al momento, «carabinieri, poliziotti e magistrati, che vengono a lavorare in Calabria per contrastare la criminalità percepiscono dei vantaggi dal punto di vista economico e di carriera, proprio perché vanno in aree disagiate».


PUÒ INTERESSARTI ANCHE: Sanità in Calabria, Occhiuto annuncia una rivoluzione


«Ecco, io mi sto impegnando - ancora le parole di Occhiuto - affinché anche ai medici che vengono a lavorare in Calabria possano essere riconosciuti gli stessi incentivi. Se c'è una Regione dove la sanità è maggiormente disagiata più che nel resto d’Italia, quella è proprio la Calabria».

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.