Avvenire di Calabria

La lectio tenuta da padre Sergio Sala ha fatto riflettere i reggini su una lettura tratta dagli Atti degli Apostoli.

Sinodo, conclusa la prima tappa in Cattedrale

Tanti i fedeli che sono giunti nella Chiesa madre, ma notevole è stato il numero di reggini collegati in streaming

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sinodo, conclusa la prima tappa in Cattedrale. La lectio tenuta da padre Sergio Sala ha fatto riflettere i reggini - molti collegati in streaming grazie ad Avvenire di Calabria - su una lettura tratta dagli Atti degli Apostoli.

Il racconto della prima tappa del Sinodo

La Basilica Cattedrale di Reggio Calabria ha ospitato i lavori della prima tappa del Sinodo voluto da papa Francesco per la Chiesa italiana. Tanti i fedeli che sono giunti nella Chiesa madre della diocesi, ma notevole è stato il numero di reggini collegati alla diretta streaming disponibile sui canali sociale di Avvenire di Calabria. Segno che l'appello lanciato dall'arcivescovo di Reggio - Bova, monsignor Fortunato Morrone, non è caduto nel vuoto.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Così come spiegato dal Pastore reggino, il Sinodo si è mostrato in tutta la sua straordinaria sobrietà nel momento predisposto in Cattedrale con padre Sergio Sala della Compagnia di Gesù. Il gesuita accompagnerà i gruppi sinodali dell'arcidiocesi di fondazione paolina per i prossimi cinque mesi con altrettante riflessioni tutte basate sugli Atti degli Apostoli.

«Gli Atti degli Apostoli ci danno l'esempio di come cominciare i processi; - ha spiegato Sala - i primi cristiani hanno iniziato senza sapere bene come fare. Con l'aiuto dello Spirito Santo e mettendosi insieme hanno iniziato la grande storia del cristianesimo».


PER APPROFONDIRE: L'arcivescovo Morrone "detta" i tempi dei lavori del Sinodo a Reggio Calabria


Il "camminare insieme" non poteva che ripartire dalla Parola di Dio. Ne è convinto il Vicario generale dell'arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova, monsignor Pasqualino Catanese.

«Quello raccontato dagli Atti degli Apostoli è un modello alto, ma questo non ci deve spaventare. Tutt'altro: occorre recuperare quella logica ispirata dallo Spirito Santo», spiega Catanese. Il Vicario generale conclude: «Dobbiamo sempre metterci in ascolto del Signore per imparare a dialogare meglio tra di noi».

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.