Avvenire di Calabria

Il presule ha celebrato la “Giornata della Misericordia” nella Casa Circondariale “Ugo Caridi” del quartiere Siano

Catanzaro, il vescovo Maniago visita i detenuti

Il pastore della Chiesa catanzarese ha voluto prendere spunto dal Cammino sinodale avviato da papa Francesco

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Un messaggio non solo di preghiera, ma anche di quella "speranza laica" che è forse il più universale dei significati del Vangelo», è quello che arriva nella Casa circondariale di Catanzaro dove si è recato questa mattina il vescovo Maniago.

L'arcivescovo di Catanzaro - Squillace, monsignor Claudio Maniago, ha fatto visita ai detenuti della Casa circondariale di Catanzaro. Ad accompagnare il vescovo Maniago, l'ispettore generale dei cappellani don Raffaele Grimaldi e dal cappellano don Giorgio Pilò, alla presenza del direttore Angela Paravati e del comandante Simona Poli.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Nella sala teatro del carcere, circa settanta detenuti hanno partecipato ad un dialogo fatto di domande spontanee e di riflessioni sentite, in un clima informale e semplice, come il messaggio della Chiesa di oggi vuole essere. Un clima che si intuisce già dall'abbigliamento del vescovo Maniago, che non si distingue da quello degli altri sacerdoti e si presenta semplicemente come uomo, in visita ai 'fratelli detenuti.

Incontrando i detenuti, il vescovo Maniago, ha voluto prendere spunto dal Cammino Sinodale avviato da papa Francesco. «La Chiesa – ha detto l’Arcivescovo – non è qualcosa di astratto e tutti noi stiamo qui a dimostrare di essere la realizzazione di questo sogno di Dio che altro non è che una vita nuova del genere umano».

«Una presenza sentita - ha affermato la direttrice della struttura Angela Paravati - in quanto le visite del vescovo nell'istituto penitenziario sono già state diverse in pochissimo tempo, e ciò testimonia una vicinanza dell'istituzione ecclesiastica ad un mondo in cui la sofferenza umana è tangibile».

I detenuti della Casa circondariale di Catanzaro hanno chiesto al presule di portare conforto ai loro familiari, che soffrono per condanne che non hanno personalmente subito e di sensibilizzare la comunità esterna sui risultati a cui possono portare i percorsi rieducativi che si svolgono all'interno del carcere. «Dieci, venti, venticinque anni di carcere possono cambiare un uomo. E questa consapevolezza deve diffondersi all'esterno affinché sia possibile un nuovo inizio».


PER APPROFONDIRE: Catanzaro, l’arcivescovo Maniago ai giovani: «Siete le sentinelle del Risorto»


Un ulteriore desiderio, espresso dai detenuti, è il ritorno alla «sistematicità delle celebrazioni eucaristiche, a lungo sospese durante la pandemia, ed ora riprese con cautele e partecipazioni ristrette all'interno del carcere». L'ispettore dei cappellani ha invitato i ristretti a «non cercare solo la speranza fuori, ma a farla nascere dentro di loro ricordando sempre che il tempo del carcere è il tempo di Dio».

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.