Avvenire di Calabria

Quindici giovani provenienti anche da altre parrocchie hanno ricevuto l'atteso sacramento ad amministrare il quale è stato il pastore della Chiesa reggina

Reggio – Bova, il vescovo amministra le Cresime: festa a San Sperato

L'invito di monsignor Morrone: «Gesù è l'esempio che siete chiamati a seguire»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Domenica 8 maggio è stata una giornata di festa per la comunità parrocchiale di San Sperato insieme al vescovo di Reggio Calabria - Bova Morrone: quindici giovani hanno ricevuto il dono del Sacramento della Cresima.

La giornata di festa per 15 giovani provenienti anche da altre parrocchie cittadine e l'intera comunità parrocchiale di San Sperato, ha avuto inizio con la Santa Messa delle 10 del mattino. Durante la celebrazione, i cresimandi hanno ricevuto il dono del Sacramento della Cresima.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Tutti i cresimandi hanno seguito il cammino di preparazione iniziato il 7 febbraio scorso, durante il quale hanno avuto modo di approfondire la conoscenza dei “sette doni” dello Spirito Santo, partendo dalle riflessioni di papa Francesco alle Udienze generali del mercoledì nel 2014.

La celebrazione delle cresime è stata presieduta dall’arcivescovo metropolita di Reggio Calabria - Bova, monsignor Fortunato Morrone, e concelebrata dal parroco, don Giuseppe Dieni, con l’assistenza del diacono Antonino Quaresima.

Durante l’omelia, il pastore della Chiesa reggina - bovese ha coinvolto tutti i partecipanti spiegando cos’è l’amore cristiano. Morrone ha evidenziato come l’amore è quel sentimento, quella parte di ciascuno che non è ragione.

L’arcivescovo Morrone ha citato proprio l’esempio di Gesù Cristo che, pur avendo paura di morire, si è affidato al Padre nel momento più doloroso della sua vita terrena. Questo rapporto di fiducia nasce e si alimenta grazie ai doni dello Spirito Santo che diventano specchio dell’amore di Dio e riflesso nella quotidianità.


PER APPROFONDIRE: Cent’anni di Azione cattolica, festa a Bagnara con Morrone


Toccante, poi, il momento in cui l’arcivescovo ha amministrato il Sacramento della Cresima ai giovani cresimandi. Un momento solenne che l’intera comunità parrocchiale ha vissuto, anche, come occasione di incontro con il proprio pastore, in un clima di gioia, affetto e fraternità.

Articoli Correlati

Padre Mundjo Benoit riceve la cittadinanza onoraria di San Roberto

Si è spento padre Mundjo Benoit, domani le esequie a San Roberto

Il sacerdote Wilondja Mundjo Benoit, di origini congolesi, ha concluso ieri la sua vita terrena. Era il pastore della comunità di San Roberto (Reggio Calabria) dal 2002. Prima era stato vicario parrocchiale nella parrocchia San Pio X al Santuario di Modena. Si è sempre distinto per i suoi tratti umani e per la sua grande bontà. Era anche punto di riferimento per la comunità congolese a Reggio Calabria.