Avvenire di Calabria

Sabato e domenica prossimi saranno ordinati due nuovi sacerdoti e cinque diaconi

Reggio – Bova, tutto pronto per le nuove ordinazioni: le date

I due nuovi presbiteri appartengono alla Comunità dei Piccoli fratelli e sorelle dell'Immacolata di Pellegrina di Bagnara

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È un doppio momento di festa quello che si appresta a vivere la comunità diocesana di Reggio Calabria - Bova sabato e domenica 19 e 20 marzo in Cattedrale. Il tutto nel segno delle vocazioni.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Sabato 19 marzo, solennità di San Giuseppe, patrono della Chiesa universale, per imposizione delle mani e la preghiera consacratoria dell’arcivescovo metropolita, monsignor Fortunato Morrone saranno ordinati sacerdoti fra Francesco Iermito e fra Francesco Vivona, confratelli della comunità dei Piccoli fratelli e sorelle dell’Immacolata di Pellegrina di Bagnara.

Il dono della paternità e del "Sì" al Signore, di cui è esempio proprio il padre putativo e custode di Gesù è quello che accompagnerà nel loro nuovo cammino verso il sacerdozio i cinque seminaristi che, il giorno dopo, domenica, saranno ordinati diaconi.

Il vescovo Fortunato, nel recitare la preghiera consacratoria, imporrà le mani sui capi di Vincenzo Attisano della parrocchia di San Dionigi in Catona, Michele Tambellini della parrocchia San Pio X e Giovanni Zappalà di Santa Maria del Divino Soccorso.


PER APPROFONDIRE: 8 marzo. Il “tweet” del Papa per mamme e bimbi in fuga dalle guerre


Saranno ordinati diaconi anche due giovani seminaristi provenienti dal continente africano, entrambi della diocesi di Morondava, in Madagascar: Jean Bosco Ranovelomiandrisoa e Narindra Tsiriniaina Urlick.

Articoli Correlati

Oggi è la festa dell’Assunta: ecco cosa si celebra

Ferragosto, apice dell’estate, è in realtà una solennità molto sentita dai cristiani. Si tratta di una fra le più antiche feste mariane. La Vergine Assunta, recita il Messale romano, è primizia della Chiesa celeste